STORIA E MISSION

share on:

UILDM sezione di Bergamo è stata fondata il 29 settembre 1968 da Giuseppe Daldossi.

Persegue la missione “Ridurre l’impatto della distrofia muscolare e delle altre patologie neuromuscolari sulla qualità della vita delle persone nel contesto di vita”

L’evoluzione

Anni 70 – Gli anni delle ricerche
Ricerca delle famiglie coinvolte nella patologia, di informazioni medico-scientifiche, di strutture sanitarie adeguate, di strumenti per garantire assistenza.
Ricerca di fondi per sostenere le famiglie in assenza di provvidenze.
Sono attivi i volontari dell’oratorio di San Giorgio e le Dame dell’Associazione di San Vincenzo.
Sono gli anni in cui i consiglieri visitatori portano la UILDM nelle case.

Anni 80 – Gli anni delle prime cure  
Regione Lombardia autorizza UILDM ad erogare il servizio di fisioterapia; le USSL rimborsano con tariffe inferiori di un terzo a quelle riconosciute ad altre strutture.
Un primo censimento rileva 70 persone con distrofia muscolare.
Il Comune di Bergamo assegna una sede in comodato d’uso gratuito.
Si introducono una dipendente, 3 fisioterapisti e 2 obiettori di coscienza.

Anni 90 – Gli anni della ricerca scientifica
UILDM nazionale e Susanna Agnelli portano Telethon in Italia e UILDM di Bergamo si attiva ogni anno per raccogliere fondi.
Un secondo censimento rileva 186 persone con distrofia muscolare.
Il sistema sanitario regionale interrompe gli accordi per la fisioterapia.

Anni 2000 – Gli anni della presa in carico  
L’Istituto “Angelo Custode” di Predore attiva la fisioterapia e un’équipe multidisciplinare per il monitoraggio clinico e il comune adegua la sede della UILDM per questi servizi.
Si potenziano le relazioni con le famiglie, le attività sociali, culturali.
Si crea il sito web.
Si incrementano volontari e donatori.
Si ottengono finanziamenti pubblici per 3 progetti.
Il 31 luglio 2006, Regione Lombardia taglia i fondi, si smantellano i servizi e i pazienti passano in carico al sistema sanitario pubblico dopo estenuanti trattative.

Anni 2010 – Gli anni delle reti sociali  
Riorganizzazione interna con incremento del personale dipendente. Modifica dello Statuto in data 20 novembre 2011.
Costruzione di reti territoriali con il terzo settore e con le istituzioni.
Sviluppo della rappresentanza.
Incremento della progettualità.

Risorse aggiuntive: 
Ritratto di Anonymous

Anonymous (non verificato)